Regaliamoci un 2021 all’insegna della sostenibilità digitale!

La crisi climatica è un problema complesso ed è alimentato da ogni aspetto della nostra vita, oggi più che mai le nostre scelte sul piano digitale hanno delle ripercussioni esponenziali sul piano fisico, anche se spesso non ce ne rendiamo conto.

Ci sono tanti modi per essere più “sostenibili digitalmente”, uno di questi è chiamarsi fuori dalle dinamiche che finanziano il web odierno: in particolare la pubblicità comportamentale.

PERCHÉ LA PUBBLICITÀ CI RENDE CONSUMISTI?

Ormai è un concetto ampiamente conosciuto, tuttavia poche persone hanno davvero approfondito l’argomento e compreso il reale impatto della pubblicità sulle loro decisioni e sull’intera società. Un documentario che sentiamo di consigliarvi, da vedere con calma (è diviso in 4 parti) in questo periodo di “quasi lockdown”, è The Century Of Self diretto da Adam Curtis e prodotto dalla BBC. È fruibile gratuitamente grazie all’Internet Archive (progetto pieno di interessanti risorse) o sul “tubo” sottotitolato in italiano.
Tutto questo oggigiorno si è evoluto esponenzialmente grazie ad Internet e alle piattaforme digitali.

CHI CI PROFILA?

Chi sono esattamente queste aziende? Grazie a DuckDuckGo Tracker Radar scopriamo che due tra i più grandi profilatori del web si chiamano Google (YouTube, Gmail, Maps…) e Facebook (Messenger, Instagram, WhatsApp). Queste due società ci offrono un’infinità di servizi “gratuiti” mentre analizzano tutto ciò che facciamo sia quando usiamo i loro servizi che quando navighiamo in altri siti. Ormai i loro tracker sono praticamente ovunque: basta una pubblicità, un bottone like, un video incorporato…

Tutte le vostre email, i vostri messaggini più intimi e perfino le note vocali vengono sistematicamente analizzati da algoritmi automatici (e ogni tanto anche da umani). L’Unione Europea sta cercando di mettere un limite a tutto questo con la normativa GDPR ma non basta. Tra l’altro tutte queste analisi servono per addestrare le intelligenze artificiali, processo che ha enormi costi in termini energetici.

La privacy non è come Babbo Natale, esiste per davvero!

Il metodo più semplice ed efficace per tutelarci è utilizzare più possibile strumenti che proteggano i nostri dati cifrandoli e che abbiano un modello di business diverso dalla pubblicità comportamentale.

Negli ultimi anni sempre più aziende si stanno schierando a protezione della privacy, chi più e chi meno seriamente, è proprio per questa ragione che abbiamo deciso di realizzare una semplice guida da condividere facilmente e aumentare così sia la vostra privacy che quella delle persone con cui vi relazionate in tre semplici passi!
La guida non vuole essere né esaustiva né perfetta ma “semplice e alla portata di tutte e tutti”, lasciando ai più smanettoni la facoltà di indagare e provare alternative più efficaci.

PDF - Sostenibilità Digitale e Privacy

SCARICALO e DONALO a conoscenti, amici, parenti e sconosciuti: aumentiamo così la nostra privacy collettiva!
Se ti è piaciuta questa iniziativa ISCRIVITI al canale @OpenForFuture dedicato alla Sostenibilità Digitale!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!