L’italia ha appena friendzonato il boga

Il BOGA (Beyond Oil and Has Alliance) è una delle iniziative più interessanti di questa COP26, peccato che solo pochi paesi abbiano avuto il coraggio di aderirvi.

Promossa da Danimarca e Costa Rica prevede che i paesi firmatari come “Core Members” si impegnino a non concedere più licenze, concessioni o leasing per la produzione ed esplorazione di petrolio e gas.

Il BOGA prevede altri 2 livelli di adesione:

  • Associate Member: per chi si impegna a tagliare sussidi e finanziamenti pubblici per l’esplorazione e la produzione di petrolio e gas all’estero e sul territorio nazionale.
  • Friend: per chi si impegna a sostenere una transizione globale socialmente giusta ed equa per allineare la produzione di petrolio e gas con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Indovinate che ruolo ha scelto l’Italia?

I nostri cari ministri Cingolani e Franco non sono riusciti a trovare un accordo per rinunciare alle attività estrattive sul nostro territorio, per cui l’Italia è L’UNICO PAESE ad essere entrato nel BOGA come “Friend”.

Ebbene sì, siamo quellə della friendzone.

Un ruolo che sembra inventato ad hoc per noi che piuttosto che impegnarci realmente per uscire dall’economia fossile preferiamo dare pacche sulla spalla ai paesi che lo faranno.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

1 commento su “L’italia ha appena friendzonato il boga”

  1. Pingback: L’italia ha appena friendzonato il boga - energiatotale.it

I commenti sono chiusi.